Visita di Roberto e Lidia Gentilini

by

DSCF4655

Da venerdì 8 a domenica 10 aprile abbiamo avuto la gradita visita nelle nostre comunità di Venezia-Mestre e Portogruaro dei coniugi Roberto e Lidia Gentilini. Il fratello Roberto, oltre a curare le chiese consorelle di Fonte Nuova e Tivoli in provincia di Roma, è da oltre 30 anni uno dei responsabili del Servizio Audio-Visivi delle Assemblee di Dio in Italia. Inoltre, assieme alla moglie Lidia, è impegnato nella cura spirituale dei detenuti nel complesso carcerario di Rebibbia.

Nel primo culto a Portogruaro venerdì sera, la predica partiva dall’apparente contrasto tra due passi dell’Antico Testamento: Isaia 53:2 che diceva profeticamente di Gesù che “non aveva forma né bellezza da attirare i nostri sguardi, né aspetto tale da piacerci”, e Salmo 45:2 “Tu sei bello, più bello di tutti i figli degli uomini; le tue parole sono piene di grazia; perciò Dio ti ha benedetto in eterno.” Gesù non venne con una presenza e prestanza hollywoodiana ma per noi che crediamo Egli è “il più bello d’infra mille” e vogliamo assomigliare sempre di più a Lui.

DSCF4661

Sabato 9 aprile a Venezia-Mestre la riunione era indirizzata in modo particolare verso i giovani con la partecipazione delle chiese consorelle di Thiene e Bassano del Grappa. Il fratello Roberto ha predicato sul passo ben noto di 1 Samuele 17, facendo notare che nell’incontro tra Goliat e Davide si parla di tre armature: quella pesante del gigante, rappresentando il mondo, quello di Saul che parla del compromesso, e quella alla fine “indossata” da Davide – il nome del Signore degli eserciti. Siamo vincitori in Cristo!

DSCF4672

Nel culto della domenica mattina a Portoguaro, il messaggio si basava su Luca 24:13-35 – Gesù che si avvicina per strada a due discepoli che scendevano da Gerusalemme a Emmaus – evidenziando la frase all’inizio del v.29: “Essi lo trattennero”. Dobbiamo desiderare che Gesù resti con noi, ed invitarLo nella nostra vita, non semplicemente per prendere un caffè ma perché si verifichi la Sua promessa in Apocalisse 3:20: “Ecco, io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la mia voce e apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con me.”

DSCF4675

Nel culto conclusivo a Venezia-Mestre domenica sera, il fratello Roberto ha letto Atti 16:16-34 per illustrare il fatto che l’opera del Signore è un’opera completa. Siamo stati incoraggiati a credere che quello che il Signore ha cominciato nella nostra vita e nella nostra famiglia, Egli porterà a compimento.

Il tempo è volato, ma il frutto di quello che il Signore ha fatto in mezzo a noi rimarrà.

condividi